Cultura

Educazione civica

“L’Educazione civica è fondamentale per formare cittadini istruiti e consapevoli perché sono le qualità del popolo che costruiscono la forza di una nazione”. Ne abbiamo prova in questo periodo di pandemia poiché il primo antivirus è la responsabilità personale. Dopo tanti anni, ritorna tra le materie d’insegnamento, nelle scuole di ogni ordine e grado. Fu Aldo Moro, nel 1958, ad introdurre l’insegnamento dell’Educazione civica nelle scuole medie e superiori: due ore al mese obbligatorie affidate ai professori e professoresse di storia, senza valutazione. La materia affronterà tre grandi temi: Costituzione italiana, sviluppo sostenibile e cittadinanza digitale. Tutti si augurano che non ci si limiti solo ad una esposizione nozionistica ma che si parli di ciò che ha ispirato i valori di libertà e democrazia, diritti e doveri, contenuti nella nostra Costituzione. “Ogni generazione deve far proprie le lotte e conquiste di quelle precedenti e condurle a mete più alte” (Papa Francesco). Diversamente il rischio è che si considerino un bene acquisito per sempre, ovvero scontato, sottovalutando quei segnali di nazionalismo esasperato a cui oggi si assiste, vanificando i notevoli passi avanti fatti perseguendo la democrazia, la libertà, la pace, lo sviluppo, i diritti umani. L’insegnamento dell’Educazione Civica costituisce un’occasione importante per ritrovare, qualora si fosse perso, il senso storico delle cose che ci circondano per meglio proiettarci verso un futuro di pace e prosperità per tutti gli uomini di tutto il mondo, anche di quelli che abitano gli angoli più sperduti. “Nessuno si salva da solo”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button