RegioneSport

Impianti sportivi nei piccoli comuni, la Regione ci mette 100 mila euro

La Regione scende in campo a sostegno dello sport e degli impianti sportivi dei piccoli comuni dei Monti Dauni. Aiuti considerevole arriveranno per i comuni di Accadia, Alberona, Ascoli Satriano, Biccari, Bovino, Carlantino, Casalvecchio di Puglia, Castelluccio dei sauri, Castelluccio Valmaggiore, Castelnuovo della Daunia, Celle di San Vito, Faeto, Lucera, Motta Montecorvino, Orsara di Puglia, Panni, Pietramontecorvino, Roseto Val Fortore, San Marco la Catola, Troia, Volturino. Tranne Che per Lucera alla quale è stato assegnato un finanziamento di 82 mila euro per gli altri centri la Regione verserà ben 100 mila euro a sostegno delle strutture sportive. “Una festa. – ha commentato Raffaele Piemontese (nella foto), assessore regionale al Bilancio. Non si può dire altro. Una vera festa insieme a 180 sindaci che incarnano i bisogni di altrettante comunità della Puglia. Abbiamo sottoscritto gli atti che consegnamo loro un investimento di 18 milioni di euro per potenziare e rendere accessibili a tutti gli impianti sportivi comunali. Sono dentro un’azione che ha caratterizzato l’intero quinquennio di Amministrazione Emiliano, durante i quali per gli impianti sportivi la Regione Puglia ha investito 40 milioni di euro: una somma senza precedenti per la Puglia e un primato tra le Regioni italiane. In questo modo abbiamo intrecciato gli effetti positivi sul piano sociale, della salute e dell’attrattività delle nostre comunità. Ai 180 Comuni finanziati oggi con circa 18 milioni di euro, si aggiungono i finanziamenti a 100 Comuni per 8 milioni di euro e 10 milioni di euro sugli impianti sportivi privati. Altre risorse, per complessivi 2 milioni e 600 mila euro li abbiamo indirizzate a 100 impianti sportivi dal 2015 e il 2018. E 700 mila euro di contributi regionali hanno reso possibile l’attivazione di mutui per oltre 2 milioni e 700 mila euro con l’Istituto di Credito Sportivo.Ha detto bene il presidente Michele Emiliano: forse raramente come per un impianto sportivo si capisce quell’immagine di “sindaco di Puglia” con cui si propose sulla scena regionale nel 2015. Stare a fianco delle comunità in modo concreto e con interventi capaci di migliorare la qualità della vita di ogni giorno, come possono sperimentare i genitori che si siedono sulle tribunette a fare il tifo per i propri figli che gareggiano, come può vivere un giovane con disabilità accedendo a un impianto pubblico senza barriere, come possono sentire gli abitanti di un quartiere periferico che lamentavano pochi servizi. Per la provincia di Bari abbiamo finanziato 20 Comuni, per quella di Brindisi 15, per la BAT 5 Comuni, per la provincia di Foggia 42, per quella di Lecce 78 e infine per la provincia di Taranto 18 Comuni”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button