Life StyleLifestyleTurismo

La bella Bovino finisce su Vanity Fair

Continua la passerella mediatica per i piccoli comuni dei Monti Dauni sulle riviste di settore più importanti nell’ambito della Promozione turistica. Dopo The Guardian e National Geographic anche la guida di Vanity Fair alla (ri)scoperta dei luoghi meno conosciuti della Puglia tracciando un meraviglioso profilo del borgo medievale di Bovino.

Vanity Fair è un periodico di costume, cultura, moda e politica, dal 2003 edizione italiana di una delle diverse riviste in lingua inglese, che si rifà all’origine te rotocalco Vanity Fair, nato negli Stati Uniti d’America nel 1983.

Il giornale torna sui Monti Dauni, in uno dei più romantici luoghi della provincia di Foggia. “Difficile non subire il fascino di questo piccolo borgo del sub-Appenino Dauno – si legge nell’articolo dell’importante rotocalco – al confine tra Puglia e Campania annoverato -giustamente- tra i più belli d’Italia (https://borghipiubelliditalia.it/) per via dei suoi palazzi nobiliari, le chiese e gli edifici dall’architettura gotica. Il passato di Bovino si ammira nei suoi vicoletti lastricati in pietra di fiume, nelle corti interne dei palazzi e negli 800 portali in pietra realizzati da maestri scalpellini locali”.

Una eccezionale vetrina che valorizza un lavoro di riscoperta del territorio messo in piedi da anni.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button