Le Emergenze

Salvata bambina in Toscana morsa da pipistrello grazie al siero presente a Foggia

Un bambina svedese di sette anni in vacanza in Toscana con la propria famiglia è stata morsa da un pipistrello italico ed a salvarla è stato il siero presente solo a Foggia. Difatti ilCentro Antiveleni del Policlinico Riuniti di Foggia, diretto dalla Dott.ssa Anna Lepore, è stato attivato nella tarda mattinata di ieri per la gestione e trattamento antidotico in emergenza dalla U.O. Pronto Soccorso degli Ospedali Riuniti di Livorno USL Toscana Nord-Ovest nell’ambito di quella che sarà la futura Banca Antidoti Diffusa Puglia (BADP).

 Da una prima ricerca dei clinici del Pronto Soccorso di Livorno, seguita anche da conferma dell’Istituto Superiore Sanità, il CAV di Puglia è risultata l’unica struttura dedicata su territorio nazionale ad avere al momento la disponibilità immediata dell’antidoto. Attivato in emergenza, lo staff del Centro Antiveleni del Policlinico Riuniti di Foggia, ha disposto e coordinato l’intero iter, dalla fornitura antidotica alla gestione medica a distanza della piccola paziente, attualmente ancora seguita dai medici del CAV.

“Questo caso evidenzia l’importanza dell’attività svolta dal Centro Antiveleni di Puglia, struttura indispensabile nella gestione e fornitura in urgenza a livello nazionale e regionale degli antidoti di difficile reperimento” – ha dichiarato il Direttore Generale del Policlinico Riuniti Dott. Vitangelo Dattoli.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button