Politica

Elena Gentile, “Monti Dauni scrigno di tesori ma dimenticato”

Elena Gentile, già europarlamentare e assessore regionale, torna a parlare dei centri minori, sotto il profilo demografico, della provincia di Foggia. “Mio nonno,di mestiere ciabattino, nacque sui Monti Dauni. – scrive Elena Gentile – A Rocchetta Sant’Antonio. Forse per questo quei luoghi esercitano su di me un fascino irresistibile. Pero’ più passa il tempo e più avverto la percezione dolorosa del loro declino socioeconomico. Eppure in questi ultimi 15 anni sono state investite risorse importanti per la viabilità e per arginare il dissesto idrogeologico. Abbiamo realizzato infrastrutture socio sanitarie, persino asili nido. Rigenerati luoghi pubblici, castelli, dimore storiche. Eroico lo sforzo dei Sindaci per la valorizzazione del loro territorio. Ma non e’ bastato,non potrà bastare nel futuro. Serve di più. Serve mettere in campo una nuova visione e nuovi strumenti. Le Zone socio economiche speciali. Per promuovere una idea di sviluppo sostenibile ed inclusivo. Norme che semplifichino,accorcino la catena delle responsabilità amministrative. Una fiscalità di vantaggio per chi fa impresa, per chi investe,per chi compra la seconda casa… Le risorse? Non sono un problema. C’è e ci sarà l’Europa. Lo Stato riapra le Scuole. Favorisca il ritorno dei servizi di interesse pubblico. Scorrete le immagini.. sono un omaggio ad una comunità laboriosa erede di una grande storia che gioiosamente rivendica attenzione e sostegno”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button