CulturaTurismo

Tagliolini col latte il piatto dell’Ascensione

Il giorno della festività dell’Ascensione di nostro signore Gesù Cristo sulle tavole delle famiglie dei Monti Dauni vi era la tradizione di portare un piatto molto speciale. Si tratta della pasta con il latte che rappresentava la festività dell’Ascensione, in quanto il latte bianco e candido rispecchiava il bagliore di luce e le vesti bianche di nostro signore Gesù Cristo nel giorno in cui ascendeva al cielo. Di solito il formato di pasta è uno in particolare; si trattava, infatti, di tagliolini o comunque di pasta lunga. In alcune zone dei Monti Dauni, nella giornata dell’ascensione che di solito era nel giovedì e che invece oggi e festeggiata in questa domenica, il capofamiglia si recava al bosco a prendere del latte dai pastori appena munto. Questo latte veniva dato gratuitamente alle famiglie in questa giornata e simboleggiava una sorta di offerta al Signore attraverso il dono ai cittadini. Per garantirlo a tutti i pastori si astenevano dal fare il formaggio il giorno dell’Ascensione, per poter offrire il latte ad ogni famiglia del paese. Quei tempi son lontani e ne resta un vago ricordo in una tradizione che non è più osservata rigorosamente da tutti, ma che non deve andar perduta. Sono infatti tante le famiglie che continuano a mantenere questa tradizione, ma anche chef e rinomati ristoratori continuano a proporre ai propri clienti in questa giornata un piatto dal profumo invitante che racconta di un passato che non c’è più. “Ho sempre cercato di riproporre questo piatto nella giornata dell’Ascensione, spiega il patron del ristorante L’Orecchietta di Candela, Ercole Santarella, – Per ritornare a creare quel connubio perfetto tra la tavola e la nostra tradizione. Proprio qui dove passava il tratturo Reggio, i pastori in questa giornata si dedicavano ai cittadini consegnando loro una parte del latte appena munto. Le brave massaie preparavano i tagliolini, e dopo aver fatto bollire latte, calavano la pasta fino a cottura. Oggi questo piatto sicuramente può non piacere a tutti, unire la pasta al latte, può sembrare strano, ma un tempo questo piatto era considerato un vero lusso e per questo veniva consumato solo nel giorno di festa o meglio solo in questa giornata”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button