CronacaCultura

Lavori in corso al castello di Ascoli, ad aiutarli anche un fantasma

Prendono forma i lavori di restauro e ristrutturazione del Castello Ducale di Ascoli Satriano. Dopo l’acquisizione da parte del Comune con una convenzione con la confraternita che Detiene la proprietà, il maniero oggi è al centro di una serie di lavori di restauro che lo riporteranno al suo vecchio splendore.  “I lavori di recupero, valorizzazione e fruizione del maniero dei Marulli vanno avanti in modo spedito e deteminato. – spiega in un post pubblicato su Facebook il sindaco di Ascoli, Vincenzo Sarcone –  Come potere notare, dalle foto in calce postate, è stata messa a nudo la muratura delle antiche stalle del castello normanno svevo più grande della Capitanata. La stratificazione muraria succedutesi nel corso di oltre un millennio è venuta fuori con sorprendente bellezza. Nel corso di questi lavori gli operai sono stati testimoni di alcuni episodi forse di natura soprannaturale. È risaputo che in passato erano in molti coloro che giuravano di aver udito di notte urla strazianti provenienti dalla corte del castello di Ascoli. Il fenomeno paranormale veniva storicamente ricollegato alla discesa in Italia del re Ludovico d’Ungheria nel 1347, per vendicare l’uccisione del fratello per mano di sua moglie la regina Giovanna I. Il monarca sostò in Ascoli e diete man forte ai notabili locali che volevano liberarsi dalla tirannia del feudatario Nicola Sabrano. Una volta partito il sovrano, il conte invitò i notabili, che lo avevano tradito, nel proprio maniero per una serata di gala, fingendo di averli perdonati. Ma nel mezzo della festa li fece massacrare dai propri soldati.

Il sangue che sgorgava dai corpi trafitti e caduti a terra era così abbondante che fuoriusciva dal portone di ingresso del castello. Così ha narrato il cronista dell’epoca. Ancora oggi, dicevo, gli operai sono pronti a giurare che, in tarda sera, hanno udito della grida strazianti e dei rumori nei piani alti del maniero”. Conclude Sindaco Sarcone

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button