CulturaIniziative

Candela, in una pubblicazione rinasce il sito neolitico sull’Ofanto

Prende vita la pubblicazione sui gli scavi archeologici che racconterà di quanto rinvenuto nell’agro di Candela negli scorsi anni. In modo particolare si parla del sito archeologico riguardante un’area risalente al neolitico. “Abbiamo deliberato per la pubblicazione di un libro – spiega il sindaco di Candela, Nicola Gatta – che sarà prodotto dalla “Grenzi Editore” con la collaborazione della Soprintendenza, sulle campagne di scavo eseguite in questi anni in Loc. Piano Morto, che hanno riportato alla luce un villaggio Neolitico e preziosi manufatti. Continuiamo a valorizzare la storia e la cultura della nostra comunità e del nostro territorio”.

Nella pubblicazione sarà fatto un resoconto sullo stato dell’arte degli scavi che hanno interessato questa zona di Candela. Tutto nasce in occasione dei lavori per l’ammodernamento della linea ferroviaria Potenza – Foggia dive in località Piano Morto, tra i mesi di aprile e luglio del 2015 è stata indagata un’area di circa 300 m quadri. Lo scavo ha restituito stratigrafie collocabili nel neolitico antico, tra la Facies di masseria la Quercia ed il momento iniziale della Facies di Passo di Corvo. Il sito si trova a circa 5 km da Candela ed è vicino a corso del fiume Ofanto nelle prossimità di un altopiano a circa 246 m sul livello del mare. Le fotografie satellitari mostrano l’area indagata con anomalie riconducibili ad ulteriori strutture infossate, poste all’interno dello spazio delimitato da due fossati concentrici. I rapporti stratigrafici finora individuati tra le varie evidenze permettono di proporre una distinzione di cinque diverse fasi di occupazione.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close