CronacaEditorialiLo Struscio TV

Il valore della memoria tra le immagini anni ‘70 di Sant’Agata e dei Monti Dauni VIDEO

Può un breve video postato su un social, avere la capacità di raccontare contemporaneamente, e in soli pochi minuti, l’impenetrabile mistero dello scorrere del tempo, un ritaglio d’esistenza trascorsa di una comunità e l’amore per la propria terra e il proprio paese? Ecco, noi siamo sicuri di sì.

A convincerci, è stata la casuale opportunità di godere della visione di un corto intitolato: “Il valore della Memoria”. A curare il filmato, girato nel 1976 da Raffaele Viola, è stato il nostro amico e collega giornalista Rosario Brescia, il quale ha anche prodotto il testo didascalico d’accompagnamento al video stesso. La bellezza delle immagini e il coinvolgente racconto che le accompagna attraverso la voce narrante di Mimma Volpone, davvero fanno di questo video un vero e proprio atto d’amore. Un racconto bello e interessante, che in pochi minuti narra di lontani anni settanta del secolo scorso, e di quando anche i nostri piccoli paesi dei Monti Dauni a poco a poco si adeguavano a trasformazioni e a tempi sempre più accelerati. Erano anni, quelli, racconta nel video Rosario Brescia, in cui la vita ancora non correva come oggi, ma scorreva pacatamente anche nei passi lenti di quei pochi, ultimi muli che ancora prestavano il loro dorso ad irriducibili e anziani cavalieri: solitari monumenti, a faticose giornate contadine.

Sono immagini, queste girate e montate da Raffaele Viola, che ci portano alla riscoperta del paese e della sua gente attraverso un percorso interessante, quello che passa per la memoria: quella parte di vita accaduta, che non racconta di grandi vicende o di illustri personaggi, ma narra di persone normali, della loro quotidianità. Un viaggio breve, che passa attraverso immagini preziose che diventano un piccolo patrimonio capace di riannodare il passato al presente: si trasformano in documentazione, fanno rivivere la “memora collettiva” di questa nostra terra.

Ecco, allora, in conclusione: fosse già solo per riassaporare il piacere di ricordi sopiti, questo breve video, a nostro avviso, merita di essere guardato. Ma con occhi particolari.

Con gli stessi occhi con i quali si guarda un amico ritrovato, o una persona cara rivista dopo molti anni.

Questo crediamo. Questo ci piace consigliarvi. Questo il link dove poterlo fare:

Guarda il video ?

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button