Monti Dauni

Roseto isolata! Ili sindaco “la Provincia chiude le strade senza garantire percorsi alternativi”

Roseto Valfortore lancia l’allarme per l’imminente isolamento fisico dopo la chiusura della S.P. 130 per un cantiere. “Come se già non bastasse l’emergenza sanitaria da COVID-19 – spiega il sindaco Lucilla Parisi – che danneggiava i diritti di libertà e democrazia di un intera popolazione, ecco la chiusura al traffico, da parte del dirigente della provincia arch. Emanuele Bux, della SP 130 tratto Monte Crocione-Alberona, causando alla popolazione gravi conseguenze sotto l’aspetto economico e non solo. Si ricorda che Roseto ha: il servizio di emergenza/urgenze del 118, inoltre l’ASL garantisce alla comunità servizi sanitari fondamentali per la salute pubblica; i commercianti che non possono assicurare generi di prima necessità; il distributore di carburante che non può garantire il servizio non potendo provvedere alle scorte; il servizio di trasporto pubblico che è stato sospeso in attesa della transitabilità del percorso alternativo”. “la chiusura al transito senza un’alternativa a- – continua Parisi – comporta gravi conseguenze per la popolazione sotto l’aspetto economico e soprattutto per l’emergenza sanitaria, ledendo i diritti di libertà e democrazia”. Il grido di allarme del sindaco è stato affidato ad una lettera inviata al Prefetto di Foggia oltre che al presidente della Provincia Nicola Gatta e alla tecnostruttura dell’ente di Palazzo Dogana. “È grave ed intollerabile – continua il primo cittadino di Roseto Valfortore – non si può negare ad un paese diritto essenziali e vitali ai cittadini. Non si può chiudere una strada prima di dare ai cittadini un’alternativa. Inoltre nonostante la situazione la strada è stata chiusa ma i lavori non sono ancora iniziati”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button