Iniziative

Ad Accadia e in Capitanata riprendono i controlli Guardie della Accademia Kronos

Accademia Kronos è un Associazione che opera sul territorio Nazionale per verificare che chi possiede un animale da compagnia sia rispettoso delle leggi a tutela del loro benessere e che vengano rispettati tutti i regolamenti affinché ci sia una civile convivenza negli spazi pubblici. Le Guardie Zoofile operano con servizi di pattugliamento libero sul territorio Provinciale e sia su segnalazioni che giungono al nostro Comando in merito a presunti maltrattamenti. Molte delle segnalazioni riguardano cani tenuti perennemente a catena dai loro proprietari.Poichè la legge Nazionale non è molto chiara in materia e vi sono moltissimi escamotage per aggirarla, le Regioni ed i Comuni hanno preso provvedimenti per cercare di regolamentare al meglio questo tipo maltrattamento. Il Regolamento Comunale di Foggia è molto chiaro sul tema con ben due articoli:

Articolo 8 comma 7: è vietato tenere costantemente animali a catena e/o in luoghi costantemente chiusi o sempre aperti. E’ altresì vietato detenere l’animale perennemente all’oscuro o perennemente a luce artificiale.

Articolo 23: è vietato detenere costantemente cani legati o a catena. E’ permesso, per periodi di tempo non superiori a cinque ore nell’arco della giornata, detenere i cani ad una catena di almeno 4 metri a scorrere su di un cavo aereo della lunghezza di almeno metri 4 e di altezza metri 2 dal terreno; la catena dovrà essere munita di due moschettoni rotanti alle estremità e in ogni caso dovrà consentire al cane di raggiungere facilmente il proprio riparo, oltre al cibo e l’acqua. L’acqua deve essere pulita e sempre presente nel contenitore che non si deve poter rovesciare e non deve essere esposto al sole.

Il cane costretto a vivere legato ad una catena corta (corda o quant’altro) per l’intera giornata subisce un maltrattamento poiché non si rispettano le sue caratteristiche etologiche. Al contrario, un cane che viene legato ad una catena lunga, che gli permetta il movimento e vi resta solo per un periodo limitato di tempo, non subirebbe maltrattamento.

Nell’attività di controllo le irregolarità più frequenti sono la trasgressione all’articolo 27 comma 2, del regolamento Comunale di Foggia, ovvero:

è fatto obbligo di utilizzare il guinzaglio e, ove sia necessario, anche l’apposita museruola qualora gli animali possano determinare danni o disturbo agli altri frequentatori. Il guinzaglio, per i cani di medie e grandi dimensioni, deve essere robusto, lungo al massimo due metri e non estensibile. In ogni caso è fatto obbligo l’utilizzo della museruola per i cani di grossa taglia in zone affollate. E’ fatto divieto di affidare i cani a persone che per età e condizione fisica siano incapaci di garantire idonea custodia dell’animale stesso. Il proprietario o detentore dell’animale è comunque responsabile civilmente, penalmente e amministrativamente di ogni azione del cane da lui condotto.

Come indicato nello stesso regolamento all’articolo 28 i cani possono essere tenuti liberi in luoghi pubblici solo se questi sono indicati e attrezzati.

OBBLIGO DI RACCOLTA DEGLI ESCREMENTI

E’ opportuno ricordare ai proprietari che raccogliere le deiezioni dei loro cani non è solo un atto di

civiltà, ma un obbligo, infatti sempre nel regolamento comunale di Foggia per la “Tutela ed il

Benessere animale e una migliore convivenza con la collettività” all’articolo 30 si legge:

1. I proprietari o detentori a qualsiasi titolo degli animali, con la sola esclusione dei non vedenti,

hanno l’obbligo di raccogliere gli escrementi prodotti dagli stessi sul suolo pubblico, in modo da

mantenere e preservare lo stato di igiene e decoro del luogo.

2. L’obbligo di cui al presente articolo sussiste per qualsiasi area pubblica o di uso pubblico (via,

piazza, giardino o altro) dell’intero territorio comunale.

3. I proprietari e/o detentori di cani, con l’esclusione di animali per guida non vedenti e da essi

accompagnati, che si trovano su area pubblica o di uso pubblico hanno l’obbligo di essere muniti di

apposita paletta o sacchetto o altro strumento per un’igienica raccolta o rimozione degli

escrementi prodotti da questi ultimi atto a ripristinare l’igiene del luogo.

E’ bene ricordare l’obbligatorietà che tutti i cani siano iscritti all’anagrafe canina.

– dal veterinario della ASL; – dal proprio veterinario.

15 cifre. Registrare il proprio cane all’anagrafe canina è un operazione semplice, veloce e dal costo

Dal 5 novembre

2004 è doveroso inserire un microchip sottocutaneo all’animale contenente un codice magnetico di

irrisorio. Si può fare in due modi:

Nei compiti della Guardia Zoofila al momento dell’accertamento la prima cosa alla quale deve

adempiere è verificare che il cane sia registrato all’anagrafe canina. Qualora venisse accertato che

l’animale è privo di microchip il proprietario è sanzionato con una ammenda di 200 euro.

Non tutti sanno che quando si trova un cane abbandonato questo non va rimosso dal luogo del

ritrovamento, ma vanno allertati i Vigili Urbani. Il cane lo si può portare via solo se autorizzati o se

è in un evidente stato di pericolo.

Il maltrattamento degli animali è un reato, e chi ne è testimone deve denunciarlo alle autorità

competenti.

Le segnalazioni si possono inviare al nostro Comando Provinciale Sezione di FOGGIA tramite E-mail

all’indirizzo di posta elettronica in uso a questo Coordinamento a:

accademiakronosfoggia@gmail.com – PEC: accademiakronossezionefoggia@pec.it con una

descrizione dettagliata del presunto reato e in allegato il proprio documento d’identità o

presentandosi direttamente al comando sito in via g. Gentile 136 – Foggia.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button