In ItaliaLe Emergenze

L’esodo della solidarietà. 600 infermieri pugliesi invadono la Lombardia

Siamo abituati a pensare alla parola esodo come un termine negativo, soprattutto in questi ultimi giorni dove in molti pur consapevoli di portare con se il contagio hanno affollato i treni per scappare dal nord e venire al sud. Oggi però la parola esodo la accostiamo alla locuzione solidarietà. I treni sono pieni si, ma di personale infermieristico e medico che volontariamente sta salendo al nord per dare manforte ai colleghi Lombardi stretti dalla morsa del coronavirus. Sono quasi 600 gli infermieri pugliesi, infatti, pronti a partire per la Lombardia per andare ad aiutare i loro colleghi impegnati negli ospedali a fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Il dato complessivo italiano del bando ‘Infermieri per Covid’ è di 9 mila 448 professionisti, dei quali 590 dalla Puglia. Un esercito pronto a dar man forte sul fronte delle aree maggiormente critiche del paese. Questi infermieri si aggiungono ai 397 medici volontari pugliesi pronti a partire per la Lombardia.

«I primi medici arrivati in Lombardia provengono da Roma, Latina, Bari, Firenze, Cosenza, Potenza, Napoli, Vasto, Messina, Udine, Caserta e Perugia», ha scritto il ministro Francesco Boccia. Proprio lui ha accolto alcuni di questi medici in aeroporto: con lui il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, il Vice Presidente della Regione Lombardia Fabrizio Sala, Maurizio Martina ed Elena Carnevali.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button