CronacaMonti Dauni

Troia, stretta nella morsa di Cavalieri

Visto l’evolversi della situazione epidemiologica su tutto il territorio nazionale e regionale e della mancanza di rispetto delle direttive (da parte di alcuni) il Sindaco della città di Troia ha emanato l’Ordinanza Sindacale n. 6 del 20/03/2020 avente come oggetto “Ordinanza contingibile e urgente ai sensi dell’art. 50 comma 5del D.Lgs. 267/2000 relativa all’adozione di misure eccezionali rivolte a contrastare la diffusione del contagio da Covid-19.”
Tra le principali misure restrittive vediamo: Il divieto di utilizzo dei parchi pubblici, il divieto di utilizzo delle panchine, la chiusura all’utenza del Cimitero, il divieto d’ingresso nel territorio comunale ai venditori ambulanti, il divieto di utilizzo di apparecchi di gioco e intrattenimento nei tabacchi, la sospensione di tutte
le attività edili di carattere pubblico, la sospensione del trasporto pubblico urbano, il divieto di passeggio e attività sportive nei luoghi pubblici, chiusura di tutti gli uffici comunali, chiusura di tutte le attività commerciali non di prima necessità. Le nuove direttive saranno valide fino al 3 aprile.
Nonostante la cittadina sembra aver preso coscienza della gravità della situazione e cerca di adeguarsi man
mano alle nuove abitudini quotidiane dettate dalle direttive governative, Cavalieri ha scelto di adottare queste nuove drastiche misure per fornire un’ulteriore contributo a bloccare più velocemente la diffusione del contagio da Covid-19.
Un esempio per le altre città dove molti continuano a non rispettare le regole mettendo a rischio la vita propria e quella degli altri.

Anastasio Lombardi

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button